Danilo Rossi

Dopo essersi perfezionato con D.Asciolla, P.Farulli e Y.Bashmet, a soli vent’anni Danilo Rossi viene scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo che ancora oggi ricopre, di Prima Viola Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, divenendo la più giovane prima viola nella storia del prestigioso Teatro milanese.Dopo aver vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, inizia con successo la carriera solistica, in particolare ricordiamo: i Concerti di Bartók e di Walton con la Filarmonica della Scala e R.Muti, i Brandeburghesi di Bach con i Solisti di Mosca e Y.Bashmet e Monologue di Schnittke, il Concerto di Walton e Aroldo in Italia di Berlioz con J.Webb, Don Quichote di Strauss con la Filarmonica di Budapest e la Filarmonica di Mosca, e con l’Orchestra Verdi di Milano diretta da R.Chailly. Numerose le collaborazioni con artisti quali J.E.Gardiner, Y.Bashmet, M.Brunello, A.Lucchesini. Da 20 anni è presente nelle più importanti Società Concertistiche in Duo con il pianista S.Bezziccheri, con il quale ha interpretato tutto il repertorio per viola e pianoforte. Artista di vasta e varia esperienza musicale, da diversi anni si è interessato ad altri ambiti musicali collaborando con numerosi jazzisti in vari concerti e jam-session: da questa esperienza è nato di recente un CD edito da MAP, dal titolo Bach in Jazz col Sante Palumbo Trio e Bruno De Filippi. Per lui hanno scritto: Alessandro Ferrari, Daniele Callegari, Enrico Pesce, Sante Palumbo e Jim Hall. Stefano Nanni ha composto per lui un concerto per viola e pianoforte ed archi e Roberto Molinelli ha composto per lui il concerto per viola, pianoforte, batteria e orchestra d’archi Once upon a Memory. Numerose le incisioni discografiche solistiche e da camera per Sony, Fonit-Cetra, Arcadia. Si dedica con passione all’insegnamento tenendo corsi di perfezionamento a Pavia, Portogruaro, alla Scuola di Musica di Fiesole, all’Accademia di Perfezionamento della Scala, all’Accademia di Pinerolo. Dal settembre 2009 è docente per la classe di viola presso la Scuola Universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera Italiana. Danilo Rossi suona la magnifica viola Maggini del 1600 appartenuta al grande violista Dino Asciolla, per volere di Valeria Mariconda Asciolla.